FacebookTwitterRSS Feed
AUDIOSCREENING APP
Ecco i link per scaricare l’applicazione sui vostri dispositivi 
ANDROID-1
IOS-1
WINDOWS-1
questionario
Online il nuovo testo su liberalizzazioni e sentenze.
SCARICA IL PDFFIA-1
IdeaLab ______________
libro-idealab
 
Linee Guida ____________
linee guida
 

 

 

Apparecchi acustici venduti in famacia. Dura presa di posizione del presidente dell'Anap Gianni Gruppioni. Ecco le tappe
Scarica i PDF
Scarica Scarica
Scarica
 Scarica
Scarica
 Scarica

Area Download

udi e sicu quad 3

larivista2

La vita, il Destino_______

scarica il libro

ETICA

 

Iscriviti alla Newsletter de l'Audioprotesista per essere sempre aggiornato

* Campi Obbligatori
 
 

Entro tre anni in Italia ci saranno più sordi che anziani. A sostenerlo è il professor Carlo Giordano, direttore della Clinica Otorinolaringoiatra dell’Università di Torino, dipartimento di Fisiopatologia clinica.


Oggi la percentuale di ipoacusia è del 12 per cento e con l’incremento medio annuo stimato intorno al 5 per cento, si calcola che nel 2010 tale percentuale salirà al 27 per cento. Una cifra ben superiore a quella prevista per la terza età, che si attesterà invece al 22%. Il costo clinico sociale nel mondo, oggi intorno ai 20 miliardi di dollari all’anno, potrebbe addirittura triplicarsi nei prossimi dieci anni. «I motivi di questa criticità – sostiene Giordano – sono da attribuire a numerose cause tra le quali la mancanza di leggi in tema di rumore e la non corretta osservanza di quelle già esistenti. In Italia purtroppo abbiamo solo poche leggi che tutelano la salute del cittadino in materia di danno acustico: la 277 (1991) e la 626 (1994), che stabiliscono doveri e obblighi del lavoratore, del medico competente e del datore di lavoro. Per questi motivi - continua Giordano – oltre alla necessità di maggiori e più capillari controlli dell’applicazione delle norme ambientali, bisognerebbe creare una task-force ministeriale multidisciplinare per monitorare su tutto il territorio nazionale gli ambienti a rischio (grandi centri urbani, aeroporti, infrastrutture, grandi aziende metalmeccaniche e tessili), creando in ogni sede aree di ristoro acustico. Questa commissione dovrebbe anche organizzare campagne di screening audiometrico sulla popolazione a rischio, al fine di monitorare il fenomeno. Utile - conclude Giordano – sarebbe anche rendere obbligatoria la valutazione audiometria durante le visite mediche effettuate per il rilascio e il rinnovo della patente di guida, al fine di rilevare eventuali deficit uditivi e porvi rimedio con l’uso obbligatorio della protesi acustica.

Copyright © 2005 - 2013 L'Audioprotesista | Comunicati News e Lavoro.
All rights reserved. Tutti i contenuti sono di proprietà dalla Rivista.

Questo sito Web utilizza cookie, anche di terze parti per garantirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information