FacebookTwitterRSS Feed
AUDIOSCREENING APP
Ecco i link per scaricare l’applicazione sui vostri dispositivi 
ANDROID-1
IOS-1
WINDOWS-1
questionario
Online il nuovo testo su liberalizzazioni e sentenze.
SCARICA IL PDFFIA-1
IdeaLab ______________
libro-idealab
 
Linee Guida ____________
linee guida
 

 

 

Apparecchi acustici venduti in famacia. Dura presa di posizione del presidente dell'Anap Gianni Gruppioni. Ecco le tappe
Scarica i PDF
Scarica Scarica
Scarica
 Scarica
Scarica
 Scarica

Area Download

udi e sicu quad 3

larivista2

La vita, il Destino_______

scarica il libro

ETICA

 

Iscriviti alla Newsletter de l'Audioprotesista per essere sempre aggiornato

* Campi Obbligatori
 
 

canovi-gandolfoMilano - Nel corso dell’annuale General Meeting dell’Associazione Europea degli Audioprotesisti che si è tenuta a Strasburgo dal 2 al 4 di giugno scorsi, alla presenza delle delegazioni di Italia, Germania, Francia, Olanda, Spagna, Romania, Belgio, Grecia e Austria, gli italiani Franco Gandolfo e Corrado Canovi sono stati nominati, rispettivamente, Presidente dell’AEA - Associazione Europea Audioprotesisti - e Presidente del CETA - European Committee of Audiology and Technology, la Commissione Scientifica in seno all’Associazione Europea.


Franco Gandolfo è anche Presidente ANA - Associazione Nazionale Audioprotesisti, e Corrado Canovi è attualmente Direttore Generale Federazione Italiana Audioprotesisti nonché docente universitario in Tecniche Audioprotesiche presso l’Università di Torino.

E’ sicuramente una nomina di grande importanza e prestigio, in quanto l’AEA rappresenta circa 60.000 addetti del comparto audioprotesico in Europa, e il General Meeting che si è appena concluso ha rappresentato una svolta nella politica e negli scopi dell’Associazione Europea: oltre ad approvare una serie di modifiche sostanziali al suo Statuto, ha anche provveduto al rinnovamento del Board, organo dal ruolo decisionale e strategico. Nelle parole di Corrado Canovi, neo presidente CETA, si è trattato di “un momento fondamentale per il comparto audioprotesico in Europa; questa vera e propria “AEA 2.0” rappresenterà con maggiore forza il nostro settore soprattutto alla luce delle difficoltà che, anche a causa della recente crisi economica, si stanno riscontrando in vari Paesi europei”. I nuovi impegni dell’AEA prevedono un allargamento dell’Associazione a includere un maggior numero di membri e un conseguente supporto a quei Paesi nei quali la professione dell’audioprotesista non è ancora riconosciuta né possiede un profilo professionale adeguato, nell’ottica di un’armonizzazione delle leggi e delle normative che regolano il comparto.

Copyright © 2005 - 2013 L'Audioprotesista | Comunicati News e Lavoro.
All rights reserved. Tutti i contenuti sono di proprietà dalla Rivista.

Questo sito Web utilizza cookie, anche di terze parti per garantirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information