FacebookTwitterRSS Feed
AUDIOSCREENING APP
Ecco i link per scaricare l’applicazione sui vostri dispositivi 
ANDROID-1
IOS-1
WINDOWS-1
questionario
Online il nuovo testo su liberalizzazioni e sentenze.
SCARICA IL PDFFIA-1
IdeaLab ______________
libro-idealab
 
Linee Guida ____________
linee guida
 

 

 

Apparecchi acustici venduti in famacia. Dura presa di posizione del presidente dell'Anap Gianni Gruppioni. Ecco le tappe
Scarica i PDF
Scarica Scarica
Scarica
 Scarica
Scarica
 Scarica

Area Download

udi e sicu quad 3

larivista2

La vita, il Destino_______

scarica il libro

ETICA

 

Iscriviti alla Newsletter de l'Audioprotesista per essere sempre aggiornato

* Campi Obbligatori
 
 

Si è celebrata il 26 aprile 2017, in tutte le scuole del mondo, la “Giornata di sensibilizzazione sul rumore” (“International Noise Awareness Day”), arrivata quest’anno alla sua 22esima edizione.

L’evento, in Italia organizzato dall’AIA, prevede momenti didattici di formazione/sensibilizzazione sul tema dei suoni e dei rumori negli ambienti di vita degli studenti e distribuzione di materiale informativo sul tema dell’acustica. Inoltre saranno premiati gli elaborati prodotti dagli alunni delle scuole per il concorso “Inad in Europe” 2017.

 

La giornata ha come obiettivo quello di sensibilizzare i bambini e i ragazzi all’ascolto dei suoni che caratterizzano i paesaggi della propria vita, trattando il tema dell’esposizione al rumore e dei rischi che essa comporta.

Di rumore, infatti, ci si può ammalare e questo succede anche per i bambini. Il chiasso può influenzare negativamente il loro sviluppo e il rendimento scolastico. La tranquillità, per contro, favorisce il benessere, la salute e l’apprendimento.

Pensiamo ad esempio alla reazione che ha il nostro corpo quando sorpreso da un rumore improvviso: l’esposizione a rumori molesti causa il rilascio di ormoni da stress che ci rendono più reattivi, provocano un aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca.

I bambini poi sono particolarmente vulnerabili, perché da un lato non sono ancora consapevoli dell’effetto dannoso del rumore, dall’altro possono influenzare meno il loro ambiente acustico. I neonati e i bambini piccoli sono più spesso in balia del rumore, non essendo in grado, ad esempio, di allontanarsi dall’origine del disturbo o di tapparsi le orecchie.

Dunque, cosa possono fare i genitori per proteggere i propri figli dall’eccessiva esposizione al rumore?

Innanzitutto non lasciare il bambino per troppe ore davanti a radio o televisione; poi garantire al piccolo sonni tranquilli, evitando musica ad alto volume o toni di voce troppo alta. Infine, evitare di partecipare ad eventi rumorosi (come concerti, manifestazioni, o eventi sportivi) ad alta intensità di decibel.

Fonti:
www.rumore.ch
www.laerm.ch
www.acustica-aia.it

Copyright © 2005 - 2013 L'Audioprotesista | Comunicati News e Lavoro.
All rights reserved. Tutti i contenuti sono di proprietà dalla Rivista.

Questo sito Web utilizza cookie, anche di terze parti per garantirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information