FacebookTwitterRSS Feed
AUDIOSCREENING APP
Ecco i link per scaricare l’applicazione sui vostri dispositivi 
ANDROID-1
IOS-1
WINDOWS-1
questionario
Online il nuovo testo su liberalizzazioni e sentenze.
SCARICA IL PDFFIA-1
IdeaLab ______________
libro-idealab
 
Linee Guida ____________
linee guida
 

 

 

Apparecchi acustici venduti in famacia. Dura presa di posizione del presidente dell'Anap Gianni Gruppioni. Ecco le tappe
Scarica i PDF
Scarica Scarica
Scarica
 Scarica
Scarica
 Scarica

Area Download

udi e sicu quad 3

larivista2

La vita, il Destino_______

scarica il libro

ETICA

 

Iscriviti alla Newsletter de l'Audioprotesista per essere sempre aggiornato

* Campi Obbligatori
 
 

Il segretario nazionale FIA (Federazione Italiana Audioprotesisti) Corrado Canovi è intervenuto questa mattina nel corso della trasmissione “Mi Manda Rai Tre”, per far chiarezza sulla questione degli amplificatori acustici, in difesa dei cittadini.
“Bisogna distinguere tra apparecchio acustico e amplificatore acustico - esordisce Canovi -. L’amplificatore infatti non è un dispositivo medico. Il confronto tra amplificatore acustico e apparecchio acustico è lo stesso tra lente d’ingrandimento e lente d’occhiale. Solo quest’ultima corregge il difetto visivo. Così nel suono: c’è amplificazione ma non modulazione. L’amplificatore acustico non corregge il difetto uditivo”.

 

Canovi interviene in difesa di alcuni cittadini ipoacustici, che hanno acquistato un amplificatore pubblicizzato in una televendita. Una volta comprato l’amplificatore, i soggetti anziani ne lamentano il cattivo funzionamento e l’assoluta inefficienza.

“L’amplificatore acustico è standardizzato su un condotto uditivo che non è quello del paziente. Manca del tutto l’atto medico, l’intervento personalizzato che è imprescindibile nella rimediazione uditiva. E poi c’ il fattore tempo: gli amplificatori infatti non possono essere utilizzati per più di un’ora al giorno. Nella rimediazione uditiva va sottolineata la necessità dell’atto medico, della competenza, dello studio. La sordità non si può risolvere immediatamente. È questo l’elemento che attrae, ma ribadiamo che non può essere così”.


A sostegno di questa tesi, interviene anche Bartolomeo Grippo (ADOC):
“La vicenda degli amplificatori acustici dal punto di vista giuridico chiama in causa tutto il Codice del consumo.
Siamo in presenza di un messaggio ingannevole che promette il falso, ovvero la risoluzione del problema uditivo e l’utilizzo di un prodotto certificato. L’amplificatore acustico non è un prodotto su misura. Siamo in presenza di una pratica commerciale scorretta, ingannevole e anche aggressiva, soprattutto perchè si limita il diritto di recesso”.

Infine, la questione dei costi.
“Non si può commercializzare un amplificatore acustico a 1.700 euro. Il costo reale di questi oggetti, infatti, potrebbe aggirarsi intorno ai 20 euro. È vergognoso”.

Copyright © 2005 - 2013 L'Audioprotesista | Comunicati News e Lavoro.
All rights reserved. Tutti i contenuti sono di proprietà dalla Rivista.

Questo sito Web utilizza cookie, anche di terze parti per garantirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information